venerdì 3 agosto 2012

Mesh o sculpted prims?

Per sopperire alle limitazioni delle primitives di base, già da alcuni anni su Second Life sono state introdotte le sculpted prim. Queste però avevano ed hanno tuttora delle altre limitazioni, come ad esempio la necessità di usare altri plugin o programmi esterni per generare le sculpted textures.

Così, nell'intento di offrire una esperienza migliore su Second Life, pochi mesi fa sono arrivate le mesh. Una evoluzione degli sculpt prims!

Ma cosa serve per realizzare le mesh? Cerchiamo di capirne di più.

Per realizzare le mesh servono dei software di modellazione in 3D esterni a Second Life che originariamente sono in formato Collada (acronimo di COLLAborative Design Activity). Il Collada è una specifica XML per la rappresentazione dei modelli generati dalle diverse applicazioni 3D oggi gestita dal consorzio Khronos Group, Inc. (una organizzazione no-profit che include tra i propri partners nomi quali NVIDIA Corporation, ATI Technologies, 3DLab, Nokia ed Autodesk). Il formato Collada è divenuto ormai uno standard industriale consolidato, alternativo alla miriade di diversi formati proprietari precedentemente in uso.
Questo particolare formato è un formato aperto di interscambio supportato da molte applicazioni 3D come ad esempio Blender, 3D Studio Max, Poser e l'ottimo Maya.

Questa nuova funzionalità di Second Life e gli oggetti importati in questo modo vengono appunto chiamati Mesh, in contrapposizione alle prim di base (i mattoncini nativi di Second Life) ed alle sculpted prim.

Vale la pena ricordare che per poter visualizzare le Mesh di Second Life è necessario usare una versione recente del viewer ufficiale o di uno dei viewer alternativi che supportano le Mesh.

Per quanto riguarda la qualità delle Mesh, manco a dirlo, è nettamente superiore a quella delle sculpted prim sia dal punto di vista della simulazione grafica che di quella fisica.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails