giovedì 15 novembre 2012

Architettura senza urbanistica

Ogni qualvolta tengo una lezione di building che abbia come oggetto l'architettura su Second Life, arriva puntuale la solita domanda: la costruzione (casa virtuale) deve essere rappresentativa della realtà?

Per semplicità si può dire che il modo più semplice per rappresentare le costruzioni è quello della duplicazione o imitazione delle caratteristiche del mondo reale.

Per questo motivo su Second Life troviamo spesso rappresentazioni replicate in maniera più o meno fedele della realtà. La copia può avere scopi diversi che vanno dalla semplice emulazione alla dimostrazione che è possibile riprodurre con i prim una copia quasi uguale della realtà.

Eppure ciò che spesso ci si dimentica è che Second Life è un ambiente simulato, con meccanismi e modelli differenti dalla realtà.

Cosa significa?

Significa che l'architettura in Second Life può benissimo procedere in maniera del tutto differente dalle leggi della fisica e può essere basata su criteri funzionali totalmente diversi da quelli del mondo reale.
Se ci pensi bene, in un mondo in cui gli utenti possono volare con la semplice pressione di un tasto o teletrasportarsi con un semplice click, che necessità c'e' di avere una strada con tanto di costruzioni accessori? Semplice estetica!!
Ecco perché alle mie lezioni di building suggerisco sempre di essere originali e inventarsi nuove forme e nuovi stili. Diversi dalla realtà! Perché non essere originali e più creativi?

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails